Artigianato iraniano: “un’eredita della civilta’ persiana” (1)

index

Di preciso cosa  significa  ” patrimonio culturale”? Quando si parla di cultura, da un lato ci si puo’ riferire ad es.  alle opere d’arte prodotte in campo  Musicale, nel cinema, nel teatro, nella redazione dei libri e cosi via. Dall’altra si considera il punto di vista sociale come ad es. I modi di fare, il gusto e le preferenze, oppure il modo di vestire, di parlare, di comportarsi e persino il modo di salire in macchina.Questo lato della cultura,e’ quello che generalmente le persone prendono in considerazione. Difatti I programmi sui media sono basati  tenendo conto di questi aspetti in campo sociale.

******

In realta la “cultura”  puo’ essere paragonata ad un albero secolare le cui radici, il tronco, i rami  e le foglie,  si sono formati in un lungo periodo. Naturalmente, se vogliamo che quest’albero continui a dare frutti bisognia curarlo. Le radici sono il simbolo dell’identita’ di ogni popolo e nazione che si tramanda sin  dall’antichita’. La cultura e’ come un albero sotto  la cui ombra le generazioni si avvicendano. E Anche dovendo tagliarne I rami, questo albero continuerebbe lo stesso a germogliare.

Il bagaglio culturale  e’ il miglior modo per conoscere il passato dei nostri antenati ,il loro modo di vivere e di pensare, insieme a tutta la  loro storia . Per esempio  certi paesi come l’America, non hanno una cultura molta ricca perche’ hanno una storia  relativamente breve alle loro spalle.

Al contrario paesi come l’Iran che facevano parte dell’antica Persia,hanno testimonianza della presenza della vita, sin dai tempi piu’ antichi, attraverso I resti dei villaggi preistorici .

    la civilta’ millenaria dell’Iran, e’ l’insieme del bagaglio e del patrimonio culturale che vanno a formare la sua identita’ storica e nazionale. Uno dei settori importanti e di un certo peso che fa parte  di questo  “bene culturale” e’ costituito  dall’artigianato.

******

Nell’eta’ del Neolitico, cioe’ dai 4 agli 8 milla anni a.C, l’uomo ha cominciato a sviluppare l’agricoltura e l’allevamento. A questo periodo risalgono anche l’invenzione della ruota e della navigazione. La vita da nomade si e’ transformata in stanziale, con la seguente costruzione di villaggi e di edifici importanti e la necessaria creazione di dighe, fondamentali per l’irrigazione.

In Iran i siti archeologici risalenti a questo periodo  sono : Gang Dareh e Asiab vicino alla citta’ di Kermanshah, Ali Kash nell’ Ilam, una regione  occidentale del Paese.

Gli abitanti di questa vasta regione si riunirono in piccoli  gruppi, andando a fondare I primi villaggi che diventarono via via, sempre piu’ grandi. Inoltre il progresso in agricoltura favori’ un costante incremento demografico.

I reperti risalenti a questo periodo sono di diverse foggie e forme geometriche, come ad esempio  le lame affilate e seghettate.

In questa eta’ l’uomo aveva capito che piantando i semi ricavava una miglior raccolto, ma  al tempo stesso aveva bisogno di conservarlo al riparo dal caldo e dall’ umidita’. Per questo motivo ha avuto la neccessita’ di creare dei recipienti in cui conservare le sue derrate alimentari, ecco quindi l’apparizione dei primi vasi in terracotta.

         ******

Nella collina chiamata ”Ziwyie” nel Kurdistan situata nella regione occidentale dell’Iran, e’ stato rinvenuto un vaso sbeccato, alto 14 centimetri, con un manico a forma di aquila. Questo vaso e’ stato realizzato con la polvere di lapislazzulo (di color azzurro intenso) e si pensa che venisse utilizzato durante i riti.

In base agli studi in merito e al parere di numerosi  arche/ologi, l’Iran insieme all’ India e alla Cina, e’ stato il centro dell’origine dell’artigianato nel mondo. L’Iran ha conservato questo primato, sino ai nostri tempi, per quanto riguarda non soltanto la produzione, ma anche  la varieta’, la ricchezza e la grande creativita’ caratteristica di questo settore. In Iran ci sono 152 categorie diverse di artigianato con 253 sottocategorie.

      ******

    Reperti dell’artigianato iraniano, risalenti a 1000 anni fa, de/notano l’aspetto raffinato di quest’arte e della cultura , dei costumi e credenze e modo di pensare del tempo. Questi oggetti non erano opere di lusso o da conservare nei musei, ma erano per l’uso quotidiano della gente comune di quell’ epoca. Anche le semplici abitudini degli iraniani erano legate ad oggetti molto belli e di buon gusto, come ad esempio il sedersi su tappeti dai ricchi disegni di giardini fioriti o il sorseggiare l’acqua da coppe riccamente incise, con indosso il loro abbigliamento tradizionale, confezionati dalle stoffe che loro stessi tessevano. Ogni oggetto che utilizzavano era un prodotto dell’arte e dell’artigianato. Il buon gusto e l’eleganza di questi oggetti, serviva rendere piu’ bella la loro vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...